“Io non ci posso credere ai luridumi che escono ogni giorno dalla bocca di Grillo contro Napolitano, alle porcate che ha detto l’altra sera Berlusconi sul ‘padre della patria’ e sull’aumento di 300 euro delle pensioni cadauno. E non posso credere alle porcate di Matteo Salvini il quale si allea con Marine Le Pen, che probabilmente non lo considera neppure una pezzuola per lucidarsi i tacchi“. Sono le dirompenti parole di Giampiero Mughini, durante la trasmissione “La Zanzara”, su Radio24. L’opinionista attacca in particolare il segretario della Lega Nord: “Ma Salvini è il ciarlatano che ha detto ‘vaffanculo’ alla Fornero? Mamma mia. Ma perché Genni ‘a carogna dovrebbe essere peggio di lui? E’ al suo livello. Oltretutto Genni ‘a carogna ha un suo ruolo di capo di un’orda e lì rimane. Talvolta Genny” – continua – “si mette a torso nudo, talvolta no, il che fa una certa differenza perché anche nell’orrore esiste una gradazione, quello là invece è un leader politico che rappresenta i lumbard, cioè la regione industriale di punta del nostro paese. Ma ti rendi conto di cosa noi appariamo al mondo? La campagna elettorale giustifica qualsiasi porcata come questa?”. Mughini poi torna a bomba su Beppe Grillo: “La sua colonna dorsale intellettuale quella è. Ognuno fa quello che può. Lui questo può. Il punto è che i sondaggi lo danno al 25%. Ed è mostruoso. Chi vota Grillo è confuso, rabbioso, non sempre illetterato e pensa che votando un pagliaccio esibizionista la situazione migliori. Anche Hitler ebbe molti voti negli anni ’30 di Gisella Ruccia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emilio Fede torna in politica: dopo il flop di ‘Vogliamo vivere’, ecco ‘Uniti si vince’

next
Articolo Successivo

Travaglio: “Grillo? Mi auguro e gli auguro di non diventare premier, non è portato”

next