Emilio Fede ci riprova. Dopo il flop nel 2012 del suo partito “Vogliamo vivere, l’ex direttore del Tg4 decide di sostenere e prendere la prima tessera di “Uniti si vince“: il nuovo movimento referendario che appoggia Silvio Berlusconi (ma non Forza Italia). A presiederlo è Luca Miatton, imprenditore padovano noto per essersi messo in mutande in diretta durante il programma Quinta Colonna su Rete4. Fondatore tra l’altro del “Movimento delle mutande” contro la crisi economica. Scopo della compagine sostenuta da Fede è raccogliere le firme per proporre un referendum con tre quesiti legati al condono dei debiti con Equitalia, eliminazione del protesto bancario e cambiario e introduzione del reato di “stalking economico“, ossia l’agire delle società di recupero crediti. Durante l’incontro, Fede offre spunti e aneddoti rivolti all’ex Cavaliere. “Domani o dopodomani lui inizierà il suo servizio sociale, si dovrà occupare dei malati di alzheimer, per lui questo impegno è un atto di affetto e di ricordo nei confronti della madre”   di Alessandro Madron e Gabriele Principato

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renzi vs sindacati: si va allo scontro finale

prev
Articolo Successivo

Mughini: “Salvini? Peggio di Genny ‘a Carogna. Grillo? Ha molti voti come Hitler”

next