Sta crollando tutto. La strada interna, i piloni, i muri di contenimento esterno. Il materiale sgretolato ha raggiunto il bosco nelle vicinanze. Il percolato cola. I relativi pozzi per la raccolta sono quasi tutti paurosamente inclinati. La discarica di Macchia Soprana, a Serre (Salerno), chiusa e semiabbandonata, è ridotta in condizioni pietose. È diventata una ‘bomba’ ecologica pronta a esplodere perché se lo smottamento dovesse proseguire c’è il rischio di scivolamento verso il sottostante fiume Sele dei rifiuti depositati a monte. La spazzatura si trova fino ad un’altezza di circa 30 metri al di sopra della frana, iniziata a metà marzo al di sopra della vasca A, come scoperto e documentato dal movimento civico “Serre per la vita”.


(foto di Michele Amoruso)

La discarica, costituita da un sito di stoccaggio provvisorio e da due vasche, fu aperta nel 2007 in piena emergenza rifiuti in Campania, e chiusa nell’agosto 2008 perché totalmente saturata. Fu definita dal ministero dell’Ambiente “la più sicura d’Italia” ma in realtà fu il frutto di uno scontro politico-ambientalistico tra il ministro verde Alfonso Pecoraro Scanio e il commissario di governo per l’emergenza Guido Bertolaso che produsse la teoria del “male minore”: si andava a Macchia Soprana per salvare l’area di Valle della Masseria, ritenuta di pregio superiore. E così si decise di inaugurare un impianto in una scarpata argillosa, all’interno di un bosco di macchia mediterranea di circa 200 ettari. A meno di un chilometro dal fiume Sele ed a qualche chilometro a monte della traversa di sbarramento che forma una diga strategica per l’agricoltura del salernitano. Una zona che da circa 30 anni è oasi del Wwf. “Da oltre settanta anni – ricordano gli attivisti di ‘Serre per la vita’ – da questa diga partono i canali per l’irrigazione della piana del Sele in cui operano aziende agricole che esportano primizie in tutto il mondo”. 

Nella discarica di Macchia Soprana, a dispetto della evidente precarietà del sito, c’è finito di tutto e di più. C’è chi dice 300mila tonnellate di rifiuti, chi 700mila, chi addirittura un milione. Negli ultimi mesi la spazzatura sversata attraversato i camion che percorrevano la strada oggi distrutta, non veniva più pesata. I risultati sono quelli che vedete nelle foto. Da diverse settimane, alla base della frana è apparso anche il percolato. Sta fuoriuscendo dalla vasca, segno di una probabile rottura dei teloni posti alla base ed intorno ai rifiuti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fracking e danni alla salute, il Texas condanna le trivelle per la prima volta

next
Articolo Successivo

Ripuliamo l’Europa e le nostre strade sommerse dai rifiuti

next