Dopo anni di investimenti nel mondo della scuola, riforme epocali e piani strategici puntati sulle “3 i”, possiamo affermare con sicurezza che la battaglia intrapresa dai nostri politici per l’insegnamento dell’inglese in Italia è stata vinta. Il paese è ormai bilingue e i nostri politici possono tranquillamente insegnare la lingua della perfida Albione.

Ecco quindi la prima dispensa di Inglese Onorevole, la lingua dei politici del terzo millennio.

La prima lezione è affidata all’ex ministro del Commercio (estero, of course), oggi sindaco di Torino, Mr. Fassin. Da anni De Mayor si batte per l’apprendimento dell’inglese e nello scorso novembre ha sottolineato la strategica importanza della conoscenza di questa lingua straniera anche per i vigili urbani e i tassisti della sua città.    

Ora può finalmente salire in cattedra per la prima dispensa di Englisch Politik.

Ascoltiamolo in lingua originale:

De Sentenz: Torino, Italy fiiirst capital,  wit eats tu tausand jerz of istory, tudei stands and de erth of a mayor process dat is transforming de territory.

Translescion:  Torino, la prima capitale Italia, con mangia duemila anni di storia, oggi si trova  e sul pianeta terra  di un processo del sindaco che sta trasformando il territorio.

Raccomandescions: 
Basta con questo obsoleto genitivo sassone: da oggi in poi Torino sarà per sempre “Italy first capital”. Le vocali brevi vanno abolite anche se “its” (suo) diventa “eats” (mangia) e finiamola con la vecchia pronuncia di “heart”. Se Torino ha unificato l’Italia, Mr. Fassin ha finalmente fuso heart e earth nella pronuncia. L’Italia è sfatta, ora bisogna disfare l’inglese.

Pronunziascion:
Il frizzante Englisch di Mr. Fassin segue le nuove regole dell’inglese del terzo millennio. E’ caratterizzato dalla perdita delle vocali brevi (first diviene fiiirst, “its” si trasforma in “eats”), da un disinvolto uso delle aspirazioni e da una simpatica inversione della “j” con  la “y”, inversione che trasforma un “maggiore” (major) in un “sindaco” (mayor).

Compitascion:
Ripetere per tre volte di seguito: I am a major mayor, I am a major mayor  e non c’è nessun mayor major come me.

Conclusion:
Englisch Politik: You can bet on Torino!

Prossimamente a Inglese Onorevole: Matt Renzie e il mistero del Salone dei Cinquecento.

A cura di Ernesto Salvi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge Merlin, quando i contrari dicevano: “Il cervello della donna pesa meno”

next
Articolo Successivo

Rivoluzione, ti bacerò talmente forte che cadrà il governo!

next