La banana contro il razzismo? “Risultato di una ricerca di marketing”. E quello che, secondo il quotidiano spagnolo ‘As’ è stato il gesto di Dani Alves di mangiare la banana lanciatagli dagli spalti da un tifoso del Villareal come offesa razzista. Il giornale iberico infatti racconta come Dani Alves e Neymar, stufi di ricevere insulti negli stadi, abbiano cercato insieme ai curatori dell’immagine dell’attaccante ex Santos una forma creativa per rispondere agli ignoranti. L’idea di mangiare la banana da parte di Dani Alves sarebbe quindi frutto non di spontaneità, ma di un’azione di marketing preparata da settimane.

Tutto è partito dopo la gara fra Barcellona ed Espanyol quando Neymar è stato oggetto di cori razzisti. Da qui sarebbe nata l’idea di fare “un’azione che vale più di mille parole”, come spiega il pubblicitario Guga Ketzer, socio dell’agenzia Loducca che ha coordinato le operazioni di marketing in Brasile dopo l’episodio di domenica.

“L’idea – aggiunge al magazine Veja – era stata preparata per Neymar però è toccato prima a Dani Alves e questo è successo”. Secondo Ketzer “il modo migliore per contrastare i pregiudizi è togliergli forza per fare in modo che il gesto razzista non si ripeta”. Per questo motivo è nato l’hashtag #somostodosmacacos: “Il gesto di mangiare una banana è diventato un fenomeno di massa”. In Brasile, intanto, da una parte il gesto di Dani Alves ha riscosso ampi consensi, compreso quello del presidente Dilma Rousseff. Dall’altra scoppiano le polemiche sul marchio di abbigliamento di Luciano Huck – il presentatore più famoso della Tv brasiliana, amico personale di Neymar – che nelle ore subito successive all’accaduto vendeva una maglietta con l’hashtag #somostodosmacacos (siamo tutti scimmie, ndr) e l’immagine di una banana a 25 euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’anniversario di Superga non ferma Chievo-Torino. La Lega nega il rinvio

prev
Articolo Successivo

Razzismo, Donald Sterling squalificato a vita dalla Nba

next