Truffa e somministrazione di farmaci nocivi le ipotesi di reato per cui la magistratura sammarinese ha aperto un fascicolo a carico di Davide Vannoni, ideatore metodo Stamina, e il chirurgo specialista in anestesia Luciano Fungi. Per entrambi i fatti contestati risalgono al 2007. Il fascicolo è affidato al commissario della legge Simon Luca Morsiani che ha richiesto con rogatoria gli esiti delle indagini a Torino e potrebbe decidere di interrogare Vannoni. Lo scrive il dorso riminese del Resto del Carlino. Su Stamina lo scorso gennaio l’Authority per la Sanità sammarinese aveva presentato una denuncia esposto in tribunale chiedendo di individuare chi spianò la strada, in quegli anni, a Vannoni che sul Titano era diventato legale rappresentate della Rewind, società però mai autorizzata ad operare.

Nell’esposto venivano anche riportate le dichiarazioni dello stesso Vannoni, che replicando a Carmine Vona, il paziente numero 52 nell’inchiesta aperta a Torino e che finì al pronto soccorso di San Marino dopo un trattamento, aveva detto pubblicamente durante una trasmissione televisiva: “Il centro dove venivano praticate le terapie era autorizzato dalla Repubblica di San Marino“. Nel gennaio del 2010, la magistratura sammarinese rispondendo ad una rogatoria partita da Torino, sequestrò 45 cartelle cliniche inviate agli inquirenti torinesi. La magistratura sammarinese dovrà fare ora luce sul perché Vannoni abbia sostenuto che il governo sammarinese autorizzò certe pratiche.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Reddito zero: ecco da chi è composto l’esercito

prev
Articolo Successivo

Legacoop, caos per la scelta del dopo Poletti. Lusetti candidato tra i malumori

next