E’ stato ritrovato a Santarcangelo di Romagna alle 14.20, coperto da 30 centimetri d’acqua, il corpo di Silvio Mannina, ultimo fidanzato di Lidia Nusdorfi, la milanese accoltellata a morte a Mozzate, l’1 marzo scorso, da Dritan Demiraj, il 29enne pasticciere albanese ex convivente e padre di uno dei sui figli, che ieri ha confessato il secondo delitto.

Questa mattina, intorno alle 11, l’albanese che ieri ha confessato al pm di Como di aver ucciso Mannina strangolandolo con un cavo elettrico 24 ore prima dell’ omicidio della sua ex donna, è arrivato nei campi in località Sant’Ermete, una frazione del comune di Santarcangelo di Romagna, nel Riminese, per indicare il luogo esatto dove aveva sepolto il corpo. Sul posto circa una ventina di uomini tra carabinieri di Rimini e Como, vigili del fuoco e protezione civile. In un primo momento Demiraj è parso confuso vista la diversa morfologia della campagna, poi, dopo qualche ora il ritrovamento del corpo nei pressi della ex cava del Lago Azzurro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Legacoop, caos per la scelta del dopo Poletti. Lusetti candidato tra i malumori

prev
Articolo Successivo

Lara Comi a processo per diffamazione. No del giudice all’immunità parlamentare

next