Apple, Google, Intel e Adobe hanno patteggiato per evitare il giudizio nell’ambito della causa legale su un presunto accordo illecito per limitare gli stipendi dei dipendenti. Circa 64mila lavoratori avevano avviato nel 2011 un’azione legale nei confronti delle quattro big della Silicon Valley accusandole di aver fatto cartello (violando le norme antitrust) per non “rubarsi” reciprocamente i dipendenti. Con l’effetto, però, di eliminare una sana concorrenza sul mercato del lavoro. Evitando, di conseguenza, che i salari lievitassero. I dettagli del patteggiamento non sono stati resi noti, ma i colossi dell’hi-tech hanno preferito raggiungere un’intesa invece che andare al processo, il cui inizio era previsto per il 27 maggio: la condanna avrebbero potuto costare loro fino a 9 miliardi di dollari. A sostegno della loro tesi i dipendenti hanno portato anche lo scambio di email fra Steve Jobs e il numero uno della rivale Palm, Edward Colligan. Nelle lettere, che risalgono al 2007, il fondatore di Apple intimava a Colligan ad aderire all’accordo sottobanco, minacciando in caso contrario un’azione legale contro Palm per violazione dei brevetti. In un altro scambio elettronico, Jobs diceva al co-fondatore di Google Sergey Brin che se avesse assunto anche una sola persona “ci sarebbe stata guerra”.

L’intesa segue quelle analoghe, ma di importi inferiori, raggiunte lo scorso anno da LucasFilm, Pixar e Intuit, che in tutto hanno sborsato 20 milioni di dollari. 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Furbetti del credito, Zaleski si prepara a restituire alle banche 400 dei 2.200 milioni di debiti

prev
Articolo Successivo

Trasporti, chi ha paura dei camionisti: l’unica lobby che evita i tagli

next