Persone immobilizzate, strattonate e picchiate da uomini in divisa. Non erano certo queste immagini violente che il New York Police Department sperava di vedere quando ieri ha invitato i propri follower a twittare foto fatte in compagnia degli agenti, usando l’hashtag #myNYPD.

Quella che doveva essere una campagna per rendere più amichevole l’immagine degli agenti newyorkesi, si è trasformata immediatamente in un “epic fail“, un fallimento colossale. Centinaia di utenti hanno pubblicato scatti di situazioni decisamente non positive con la polizia cittadina e le hanno associate all’hashtag promozionale delle forze dell’ordine, che in breve è schizzato fra i trending topic. Raccogliendo così l’effetto opposto a quello sperato.

 

A peggiorare la situazione poi è stata la scelta di chi gestisce l’account del dipartimento di ignorare i tweet negativi, che ha scatenato ancora di più i commenti degli utenti sul microblogging e ha fatto schizzare la vicenda sui siti di news di tutto il mondo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Olimpiadi 2016, scontri a Rio dopo la morte di un ballerino: una vittima

prev
Articolo Successivo

Gran Bretagna: “Insultato sul web il 21% degli insegnanti, l’11% si rivolge alla polizia”

next