Dopo due settimane di vacanze pasquali, gli insegnanti britannici sono tornati in classe con una certezza: quella di essere sotto l’attacco di una generazione 2.0. Mentre un tempo il momento dello scontro era quello dei colloqui con mamma e papà, ora per chi insegna le minacce arrivano da computer, tablet e telefonini. Questo dice il sondaggio condotto da uno dei sindacati degli insegnanti: dei 7.500 insegnanti intervistati, il 21% ha dichiarato di essere stato, nel 2013, vittima di un abuso su Internet, da parte sia di studenti che di genitori. Si va dalle calunnie alle offese gravi, spesso a sfondo sessuale o legate all’aspetto fisico. Ancora, spesso, video che riprendono gli insegnanti senza il loro consenso vengono postati su Facebook e commentati da studenti non proprio benevoli. “Spesso questo clima maligno dei social media contribuisce a stress, depressione e talvolta anche a licenziamenti – dice ora al fattoquotidiano.it il sindacato National association of schoolmasters union of women teachers (Nasuwt) – e per molti docenti questo significa un peggioramento della salute e della qualità della vita”.

“Tu sei un pedofilo e tua figlia è una prostituta” è uno dei tanti commenti rivolti a un insegnante e raccolti dal sindacato. Un altro studente di 15 anni – l’età media di chi insulta è fra 14 e 16 anni, anche se ci sono offese messe in atto da bambini sotto l’età dei 10 anni – ha scritto su Facebook che avrebbe voluto uccidere il proprio professore, ricevendo una valanga di adesioni. Ancora, foto di alcolizzati scattate fuori dai pub e con didascalie che riportano all’identità di ignari docenti. Una teoria di abusi che ha portato l’11% di chi li ha ricevuti a rivolgersi alla polizia. Ma, spesso, soprattutto quando si ha a che fare con bambini e ragazzi, non ci sono i presupposti necessari a un’azione legale. E anche le scuole, rivela il sindacato, scoraggerebbero gli insegnanti a proseguire nella loro difesa per non compromettere la tranquillità delle classi.

Molti gli insegnanti pronti a lasciare il loro lavoro per le pressioni provenienti dai social media. Le piattaforme più utilizzate per gli insulti sono Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Snapchat e Ratemyteacher, un sito che consente di valutare il proprio insegnante. Il sindacato ha pure analizzato la natura di questi insulti. Il 47% è composto da frasi denigratorie relative a sessualità e apparenza fisica, il 50% è fatto di commenti legati alle competenze dei professori, mentre il 26% è composto da video e fotografie pubblicate senza il permesso dei docenti. I commenti provenienti dai genitori, invece, presentano un 7% di vere e proprie minacce all’integrità fisica dell’insegnante attaccato e un 63% di critiche pesanti e spesso gratuite all’operato del professore. “Molto spesso gli insegnanti ne escono devastati e sono costretti a prendere antidepressivi e a ricorrere allo psicologo o allo psichiatra”, mette ora in guardia il sindacato. E chi va dalla polizia riceve poco supporto: “Chi denuncia viene ascoltato e trattato bene, ma poi quasi mai viene intrapresa un’indagine”. 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Polizia New York, “epic fail” su Twitter. Gli utenti inviano foto di violenze e abusi

prev
Articolo Successivo

Usa, no quote razziali al college: l’ultima vittoria della “rivoluzione conservatrice”

next