“E’ un fatto estremamente positivo che si sia passati dalla dichiarazione all’esecuzione in un tempo così stretto. Togliere questa parte di segreti aiuta il cammino verso la verità completa sulla strage di Bologna e su tutte le altre stragi”. Paolo Bolognesi, deputato Pd e presidente dell’Associazione familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980, è soddisfatto per la firma della direttiva che dispone la declassificazione degli atti relativi a diverse stragi da parte del premier Matteo Renzi. “E’ un bell’inizio e un bell’esempio – ha detto all’agenzia ANSA Bolognesi – che avrebbero dovuto seguir prima e che speriamo prosegua anche in futuro. Ora si vada a mettere le mani anche negli archivi militari, del ministero degli Esteri e in quelli dei servizi segreti ufficiali e non ufficiali”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autobus fermi al deposito? Ora possono circolare. Ma c’è un conto da 3 milioni

next
Articolo Successivo

25 aprile, Lega organizza meeting No Euro. Anpi e Centri sociali: “E’ una provocazione”

next