Nelle strutture d’accoglienza di Pozzallo è di nuovo emergenza. Questa mattina sono arrivati 818 migranti, soccorsi ieri dalla fregata Espero e dal pattugliatore Cassiopea della Marina Militare, in cooperazione con il mercantile Red Sea nello Stretto di Sicilia, a sud di Lampedusa.

La nave Cassiopea ha soccorso, con l’appoggio del mercantile Red Sea, un barcone con a bordo 385 migranti, recuperandone 219, tra cui 40 donne e 10 minori. Un migrante in precarie condizioni di salute è stato trasferito con l’elicottero della fregata Aliseo, intervenuta in assistenza, all’ospedale civile di Lampedusa. Le altre 166 persone sono state trasbordate sulla nave mercantile. La fregata Espero è intervenuta invece ieri in aiuto di un natante che trasportava 433 persone, tra cui 75 donne, due in stato di gravidanza, e 3 minori.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pasqua 2014, il Papa prega per bambini e donne vittime di violenza. E chiede la pace

next
Articolo Successivo

Frana di Courmayeur, paura per i nuovi crolli. Massi sulla Dora di Ferret

next