I giudici della Prima sezione della Corte di Cassazione decideranno solo domani se rinviare la sentenza definitiva sul processo a Marcello Dell’Utri, dopo la richiesta di rinvio presentata da entrambi i legali dell’ex senatore, gli avvocati Massimo Krogh e Giuseppe Di Peri. L’avvocato Krogh è ricoverato in una clinica, mentre Di Peri ha depositato oggi un certificato medico in cui annuncia di essere impossibilitato, per motivi di salute, a raggiungere Roma. Potrebbe così essere rinviata ad altra data l’udienza della Corte di Cassazione prevista per domani per la decisione sulla condanna a sette anni di carcere per Dell’Utri, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. Saranno comunque i giudici della Cassazione a decidere se accogliere la richiesta di rinvio. Intanto era attesa per questa mattina, ma l’udienza sulla convalida dell’arresto di Marcello Dell’Utri a Beirut non è ancora iniziata. Del ritardo non è stata fornita nessuna spiegazione ufficiale. Dell’Utri si trova ancora nella caserma della polizia dove è stato portato dopo il fermo. Lorenzo Galeazzi (ilfattoquotidiano.it) ne ha parlato in diretta dagli studi del FattoTv con Fabrizio d’Esposito (il Fatto Quotidiano) e con Mario Portanova (ilfattoquotidiano.it)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

M5S, Grillo parafrasa Primo Levi. Comunità ebraica: “Infame provocazione”

prev
Articolo Successivo

Qualche vignetta su B, Dell’Utri e i giudici

next