Due giorni fa il Senato ha ratificato il trattato sulla Torino-Lione. Una cosa, però, è discuterne in Parlamento, un’altra entrare in una galleria con una fresa che continua a lavorare”. Riccardo Nencini (Psi), viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, ha commentato così la sua visita a Chiomonte al cantiere dell’alta velocità. Alla visite del viceministro hanno partecipato anche i senatori Stefano Esposito (Pd) ed Enrico Buemi (Psi), entrambi convinti sostenitori dell’opera. Sulla circostanza che Renzi, lo scorso maggio, prima di diventare premier, avesse detto che “la Tav non è dannosa, ma inutile” e che “sono soldi impiegati male“, concetto ribadito nel libro “Oltre la rottamazione”, Nencini dice: “Abbiamo ratificato il trattato, il che la dice lunga sulle intenzioni del governo”. Domani, intanto, il premier Renzi sarà a Torino per sostenere la candidatura di Sergio Chiamparino, uno dei più convinti fautori della grande opera   di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Taranto, trovate sostanze bituminose nei terreni vicino a discarica Ilva

next
Articolo Successivo

Ilva, “licenziamento illegittimo”. Ma per il giudice l’operaio non va reintegrato

next