John Elkann non ci sta a dover mettere ancora soldi nella Stampa, il quotidiano torinese di casa Agnelli. E ha messo davanti a un bivio i responsabili dell’editrice che fa capo al gruppo Fiat, il direttore Mario Calabresi e i giornalisti: o si imbocca la strada del pareggio di bilancio oppure partiranno nuovi tagli. A spingere il presidente della casa automobilistica a prendere una posizione così netta sono le stime aziendali che prevedono per il giornale una chiusura d’esercizio 2014 in rosso per 4-5 milioni di euro. La proiezione è stata fatta partendo dall’andamento della testata nel primo trimestre di quest’anno: le vendite sono calate del 5-6% e le inserzioni del 14% circa, in linea con l’andamento del mercato pubblicitario per i quotidiani italiani, stando agli ultimi dati dell’Osservatorio della Federazione concessionarie pubblicità.

Ma a Elkann proprio non va giù l’idea di dover mettere mano al portafoglio – per il terzo anno consecutivo – per coprire le perdite del giornale. E’ da tempo, infatti, che il nipote dell’avvocato Gianni Agnelli cerca d’imporre la linea del risanamento dei conti senza riuscirci: il 2012 si è chiuso con una perdita netta di 27 milioni di euro (di cui circa 13 milioni imputabili alla Stampa e 14 milioni alla concessionaria pubblicitaria del gruppo, Publikompass), mentre per il 2013, in attesa dei dati definitivi, è atteso un rosso di 13 milioni per il solo quotidiano. Un trend negativo che Elkann vuole fermare, tanto più ora che come primo azionista di Rcs, con oltre il 20%, ha appoggiato anche nel gruppo del Corriere della Sera la politica di tagli portata avanti dall’a.d. Pietro Scott Jovane.

Il ridimensionamento della concessionaria Publikompass è già a buon punto: l’incarico per le inserzioni nazionali è passato a Rcs Pubblicità, mentre la rete di vendita è stata ridotta e si occuperà solo delle inserzioni locali in Piemonte e Liguria. Con la conseguenza che 179 dipendenti, oltre il 70% dell’intera forza lavoro secondo quanto dichiarato lo scorso febbraio dai sindacati, sono oggi in mobilità. Quindi al presidente Fiat non resta che intervenire sulle spese del giornale. La Stampa è già in stato di crisi e solo il prossimo settembre finirà di prepensionare tutti e 32 i giornalisti previsti. L’idea di Elkann era di arrivare al pareggio proprio grazie al ricorso agli ammortizzatori sociali, unito a risparmi sui costi generali e allo snellimento delle edizioni locali della Stampa. La crisi del mercato pubblicitario e la fuga dei lettori hanno fatto svanire quell’illusione e, se le due voci di ricavi non riprenderanno a crescere, in redazione si aspettano che la scure cali ancora. Allo studio ci sono, per esempio, una riduzione della foliazione del quotidiano e la cancellazione delle indennità di trasferta ai giornalisti. Alla luce dei conti sembra incrinato anche l’idillio tra il presidente Fiat e il direttore Calabresi, dato più volte in partenza per il vertice del Corriere della Sera al posto di Ferruccio de Bortoli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Messaggero, Caltagirone licenzierà 5 giornalisti. Anche se lo stato di crisi lo vieta

next
Articolo Successivo

Masterpiece, più letteratura e meno Superenalotto

next