Berlusconi non ha successori. Berlusconi succede a se stesso. E’ assoluto, non è mica uno che si fa rottamare e che poi si fa recuperare come D’Alema. Un nome e una storia: Berlusconi”. Così il capogruppo di Forza Italia alla Camera, Renato Brunetta durante la conferenza stampa sui 6 mesi di attività de ‘Il Mattinale’, la nota politica redatta dallo staff del gruppo alla Camera di Fi. Brunetta poi in sala stampa aggiunge: “Non si potrà candidare? Io spero ancora in un giudice a Strasburgo. E, comunque, alla elezioni Europee non si potrà candidare Beppe Grillo e non si candida Matteo Renzi. Ma che problema c’è? Sia Grillo che Renzi pensano di vincere e pure noi lo pensiamo di vincere”. Brunetta poi conferma che il nome ‘Berlusconi’ ci sarà sul simbolo di Forza Italia perché “è un marchio di successo, mai mollare un brand di successo come la Cola-Cola“. “Speriamo fino all’ultimo di avere il nome di Berlusconi sulla scheda” è la speranza di Alessandro Cattaneo, sindaco azzurro di Pavia. Quello di Silvio non di Marina o di Barbara? chiedono i cronisti. “Sì, e l’ho detto apposta” risponde Cattaneo  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

B. interdetto, Romani (Fi): “Barbara e Marina candidate? Ne stiamo discutendo”

prev
Articolo Successivo

Elezioni Europee 2014, sondaggio: Pd in testa, pari FI e M5S. Lista Tsipras in calo

next