Squadra che vince non si cambia. Ma non in Poste Italiane dove nei giorni scorsi trenta dirigenti della struttura manageriale centrale si sono visti consegnare altrettante lettere di licenziamento. Si tratta di un vero e proprio azzeramento del gruppo di lavoro che ha permesso alla società guidata da Massimo Sarmi di archiviare l’esercizio 2013 in utile per oltre un miliardo grazie allo sviluppo delle attività della compagnia assicurativa Poste Vita. Che ci fosse aria di ristrutturazione era già chiaro ad inizio febbraio quando il governo di Enrico Letta ha iniziato a parlare con insistenza di privatizzazione.

Ed è stato proprio nel momento in cui si iniziavano a delineare i dettagli del collocamento in Borsa che i manager hanno iniziato a tremare. Il riassetto delle poltrone manageriali, che alle Poste va di pari passo con una forte precarizzazione del personale meno specializzato, ha però di recente subito una accelerazione in seguito al cambio di governo e all’arrivo del premier Matteo Renzi. Con il colpo di scena dei trenta licenziamenti in blocco tra le fila dirigenziali. Non resta che chiedersi se Sarmi, che con Letta aveva stretto un patto di ferro legato a doppio filo con l’adesione di Poste al salvataggio Alitalia, non sia lui stesso in uscita. Con Mario Greco, attuale amministratore delegato delle Generali, indicato anche dal Sole 24 Ore come possibile successore.

Aggiornato da Redazioneweb il 13 marzo alle 14.46

Riceviamo e pubblichiamo la seguente precisazione

Gentile direttore,
in riferimento all’articolo pubblicato dal vostro giornale in data 12 marzo intitolato “Poste Italiane, in attesa del rinnovo, Sarmi ristruttura: a casa trenta dirigenti” desidero comunicare un errore di informazione in quanto non sono uscita da Poste Italiane. In data 29 gennaio ho assunto un nuovo ruolo di guida nella Risk Governance di Gruppo in ottica della privatizzazione di Poste. Le sarei grata se volesse quindi provvedere ad effettuare una rettifica e chiarimento all’articolo apparso.
La ringrazio molto e le porgo i miei migliori saluti
Carolyn Dittmeier

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Monte dei Paschi di Siena, rosso da un miliardo e mezzo nel 2013

prev
Articolo Successivo

Governo Renzi, l’economista Tito Boeri: “Parlare di misure è azzardato”

next