Da feudo simbolo del potere mafioso a segno tangibile del riscatto di chi per combattere Cosa Nostra ha dato la vita. È il feudo Verbumcaudo, centocinquanta ettari di terreno nel cuore della Sicilia, un tempo di proprietà di Michele Greco (nella foto), il papa della mafia: da oggi saranno intitolati a Placido Rizzotto, il sindacalista assassinato da Luciano Liggio esattamente sessantasei anni fa. Un contrappasso simbolico che oltre a intitolare a Rizzotto il feudo, punta anche a renderlo nuovamente produttivo. Sei dei centocinquanta ettari sono infatti stati assegnati a tre cooperative vicine a Libera, che danno lavoro a decine di giovani: Pio La Torre, Placido Rizzotto e Lavoro e non solo. Su quei sei ettari verranno piantate ventimila viti, e con le uve del vigneto intitolato a Rizzotto verrà prodotto il Placido, vino bianco e rosso Igt, prodotto sui terreni confiscati alle mafie e commercializzato da Libera.

Altre ampie porzioni del feudo Verbumcaudo erano già state assegnate alle tre cooperative, che hanno installato coltivazioni di cereali e ceci. Adesso è la volta del vigneto sperimentale, consegnato alle cooperative dalla Regione Siciliana, davanti all’europarlamentare Sonia Alfano e al senatore del Pd Peppe Lumia. Presente alla manifestazione anche Vincenzo Liarda, il sindacalista della Cgil destinatario di diverse minacce di morte: si è battuto più di ogni altro per fare in modo che il feudo, sequestrato a Michele Greco già nel 1987 su input di Giovanni Falcone, fosse assegnato e tornasse quindi a produrre. “Oggi non posso trattenere tutta la mia emozione, ma anche la soddisfazione di restituire alla produzione e alla legalità un bene che creerà posti di lavoro” ha dichiarato Liarda.

Il giorno dell’assegnazione del feudo, rappresenta un altro fil rouge della lotta alla violenza mafiosa: era il 10 marzo del 1948 quando a Corleone, un giovane e spregiudicato Luciano Liggio si macchiava del primo omicidio eccellente, quello di Placido Rizzotto, sindacalista della Cgil, rapito e gettato nella foiba di Rocca Busambra. Bisognerà attendere il 2012 perché i resti del sindacalista assassinato vengano ritrovati e comparati con il Dna dei familiari. Il 24 maggio dello stesso anno, a Corleone, saranno invece celebrati funerali di Stato postumi per Rizzotto. Che sessantasei anni dopo l’assassinio impone il suo nome sul feudo che un tempo era simbolo di potere e terrore targato Cosa Nostra. Un segnale netto e tangibile, in una terra come la Sicilia che di simboli vive e si alimenta.

Twitter: @pipitone87

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Immigrazione: Yvan Sagnet e gli schiavi del mercato

next
Articolo Successivo

Eutanasia, 8 anni dopo morte Welby ancora nessuna legge

next