“Il nostro orizzonte è quello del 2018“. Al termine due ore e mezzo di colloquio con Giorgio Napolitano, Renzi ha sciolto le riserve e ha letto la lista dei ministri. Dopo le lunghe trattative la pattuglia di Ncd è confermata al governo, con la sola eccezione di Quagliariello, sostituito alle Riforme dalla fedelissima renziana Maria Elena Boschi. Domani alle 11.30 il giuramento. Napolitano: “Elementi di novità, molti nomi nuovi”. Poi nega di essere stato protagonista di un braccio di ferro su alcuni nomi. Resta il mistero del caso Gratteri: dato per certo fino all’ultimo, è stato “rimpiazzato” dall’ex ministro dell’Ambiente Andrea Orlando  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo Renzi, i nuovi ministri: schede e fotogallery

next
Articolo Successivo

Governo Renzi, Napolitano: “Nessun braccio di ferro col premier”

next