Federico Pizzarotti ritorna in cattedra con la sua “scuola da sindaco”. Per il secondo anno a Parma il Movimento Cinque stelle organizza una giornata per incontrare tutti i candidati alle prossime amministrative. Un momento di dialogo e di conoscenza in cui i Cinque stelle che aspirano a entrare nei palazzi comunali delle proprie città, potranno confrontarsi con gli amministratori di Parma, i primi che, nel 2012, hanno portato il Movimento di Beppe Grillo alla guida di un capoluogo di provincia.

A raccontare la propria esperienza da sindaco ci sarà Pizzarotti, che ha già annunciato l’appuntamento sulla sua pagina Facebook: “Il 15 marzo incontrerò tutti i candidati sindaco del Movimento 5 Stelle che intendono presentarsi alle prossime amministrative di maggio: come l’anno scorso ci incontreremo a Parma in una giornata dedicata, pronti a discutere sulle politiche e sulle attività”. Nel 2013 era stato Pizzarotti a proporre l’idea di un incontro con tutti gli aspiranti amministratori, vista la mole di richieste e di inviti arrivati da tutti i gruppi di Italia dopo la sua elezione: tutti volevano parlare con il sindaco Cinque stelle di Parma, chiedere della sua esperienza, carpire consigli e ricevere suggerimenti. Ora che il Movimento è cresciuto ed è arrivato in Parlamento e alla guida di altre città, insieme a Pizzarotti quest’anno potrebbero esserci anche altri “colleghi” a parlare con i candidati. Per ora non ci sono ancora inviti e conferme ufficiali, ma le “lezioni da sindaco” il prossimo 15 marzo potrebbero tenerle anche i primi cittadini di Ragusa e di Pomezia Federico Piccitto e Fabio Fucci, con cui Pizzarotti ha preso contatti in uno degli ultimi incontri con l’Anci. “Rispetto al 2013 – spiega Pizzarotti sempre sulla sua pagina di Facebook – quest’anno ci potrà essere la possibilità di avere a Parma anche altri sindaci del Movimento, per rappresentare ancora meglio il punto di vista di chi amministra. Sarà una giornata importante per il Movimento 5 Stelle”.

Alla prima edizione dell’iniziativa avevano partecipato 56 candidati provenienti dalle città del centro-nord, da Vicenza a Viterbo: aspiranti consiglieri comunali e sindaci che hanno avuto la possibilità di scambiarsi opinioni e idee su tematiche che andavano dalla gestione della campagna elettorale fino alla chiusura di un bilancio o alla proposta di un emendamento. Quest’anno il numero dei partecipanti potrebbe essere maggiore, visto che molte città vicine a Parma saranno chiamate al voto, come Modena, Reggio Emilia, Forlì, fino ai più piccoli comuni delle province vicine.

A chiedere incontri a Pizzarotti per potersi preparare alla discesa in campo erano stati già i rappresentanti del Movimento di Bergamo e di altre città da ogni parte d’Italia. Proprio per questo il sindaco ha deciso di riproporre anche quest’anno la giornata organizzata nel 2013. A confermare già la propria adesione è stato il Meetup di Urbino, che ha risposto alla chiamata di Pizzarotti nei commenti sotto il suo invito in Rete. Il passaparola è già cominciato e tra le conferme ci sono anche i Cinque stelle di Modena e di Montecchio (Reggio Emilia), ma anche gruppi che arrivano da più lontano, come quelli di Teramo e di Bitritto (Bari), che si sono già prenotati per l’incontro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Freak Antoni, Baccini ricorda: “Un amico naturalmente eccessivo e un vero artista”

prev
Articolo Successivo

“Processo alla nazione”. Trent’anni dopo a Bologna, un ricordo di Pippo Fava

next