La Comisiòn Nacional de los Mercados y de la Competencia, equivalente spagnolo dell’autorità Antitrust, ha comminato al gruppo Telefonica, che in Italia si prepara a diventare il primo azionista di Telecom, una doppia multa per un totale di 500mila euro.

La prima sanzione da 250mila euro viene motivata da “gravi” violazioni delle normative sulla concorrenza legate in un caso alla mancata comunicazione di nuove tariffe e nuove condizioni applicate a pacchetti di offerte su internet e tv.

La normativa spagnola prevede invece che gli aggiornamenti di prezzi e condizioni contrattuali vengano comunicate all’Authority un mese prima dell’entrata in vigore, in modo che la loro concorrenzialità sia verificata preventivamente. Dal canto suo Telefonica sostiene di aver adempiuto a tutti i suoi doveri e si preapara a fare ricorso. 

Nel secondo caso la sanzione di pari importo si riferisce al blocco dell’accesso alla numerazione di sms da parte dell’operatore mobile Nvia. L’Authority aveva infatti imposto a Telefonica di riattivare 26 numerazioni al concorrente ma la compagnia ne ha liberati solo 15 e si giustifica parlando di un “ritardo non paragonabile al rifiuto di accesso” a Nvia. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Acqua, al via ispezioni dell’Autorità dell’energia su correttezza tariffe

prev
Articolo Successivo

Chrysler rimborsa il prestito Veba: “Attesi risparmi per 134 milioni annui”

next