Willemke e David Postma, 84 e 86 anni, avevano sempre avuto il desiderio di farlo insieme. L’inquietudine degli ultimi tempi, quel pensiero fisso di finire prima o poi in una casa di riposo a scommettere su scampoli di vita residua, li avevano infine convinti che il momento fosse giunto. Un sabato di fine gennaio, riuniti i loro quattro figli, i dieci nipoti e i due pronipoti, tra musica e balli, dopo aver preso il cocktail letale comprato su internet, e con indosso ancora il pigiama, li hanno salutati per l’ultima volta: «Oggi non c’è bisogno di farsi belli» ha detto Willemke, perché «è ora di andare nel forno».

«Avrebbero voluto farlo già a dicembre» hanno raccontato al quotidiano Algemeen Dagblad  i figli, ma essendo il Natale un periodo di festa, abbiamo speso quell’occasione con spirito commemorativo guardando vecchie foto rievocando cose: qualcuno ha riso, qualcun altro ha versato una lacrima. Tuttavia, è stato un bel momento. Willemke pensava di rinviare l’addio a febbraio, ma alla fine ha detto, «perché rimandare ancora quando dall’altra parte c’è qualcuno che ti aspetta con una torta?». Così hanno scelto gennaio. «Di norma gennaio è un mese in cui non accade niente, un buon mese per morire. È stato un addio fantastico».

Una settimana fa, il primo febbraio, la coppia è stata cremata.     

In Olanda, dove è accaduta questa storia, l’eutanasia e il suicidio assistito sono legali, ma il farmaco deve essere prescritto dal medico. Non essendo David e Willemke malati terminali come previsto dalla legge, né malati tout court, la polizia ha aperto un’inchiesta. I giornali olandesi però stanno facendo una campagna perché nessuno venga perseguito, stante il carattere di «un addio magnifico».

In Belgio le persone con maggiore età possono chiedere l’eutanasia ormai da dieci anni, ma è allo studio una modifica della legge per permettere anche a un minore «se reputato in grado di giudicare ragionevolmente nei suoi interessi», di accedervi.

In Italia, ieri ricorrevano i cinque anni dalla morte di Eluana Englaro. La battaglia del padre per portare a compimento la volontà di Eluana è durata diciassette anni. Sul vuoto normativo riguardo al biotestamento la politica latitò, poi usò Eluana a scopi elettorali, e alla fine non fece una legge. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Riconoscere le famiglie omogenitoriali non è una crociata contro padri e madri

prev
Articolo Successivo

Eutanasia: viaggio al termine della morte. Per Paolo, Eluana, Piergiorgio, Luca

next