L‘Information Commissioner’s Office,autorità britannica per la protezione dei dati, ha aperto una inchiesta dopo le rilevazioni di stampa sul furto e la vendita di migliaia di informazioni personali, tra cui redditi, numeri di passaporto, assicurazioni e propensione al rischio, appartenenti a clienti del gruppo bancario Barclays. La decisione è stata presa dopo quanto pubblicato domenica 9 febbraio dal Mail on Sunday, che sostiene di aver ricevuto da un anonimo informatore una scheda di memoria contenente i dati personali di 2.000 clienti e che altri 25mila erano disponibili. Secondo il domenicale, si tratta di una “miniera d’oro” che sarebbe finita nelle mani di broker senza scrupoli, pronti a coinvolgere vittime ignare in frodi finanziarie.

Dal canto suo la banca britannica ha annunciato di aver aperto un’inchiesta per comprendere cosa sia accaduto. La notizia arriva dopo mesi molto difficili per Barclays, già coinvolta in una serie di scandali (come quello della manipolazione tasso interbancario Libor) e passata attraverso una forte ristrutturazione interna. “Siamo molto grati al Mail on Sunday di averci reso consapevoli di questo furto”, ha detto una portavoce di Barclays, aggiungendo che le indagini erano già in corso. “Sembra possa trattarsi di un atto criminale“, ha sottolineato aggiungendo che la banca sta “cooperando con le autorità al fine di trovare il responsabile”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mattone, il box auto non è più un bene rifugio: sale l’offerta (+6%) ma la domanda non c’è

next
Articolo Successivo

In Spagna la crisi passa dalle banche ai conventi delle clarisse

next