Il Fondo sovrano del Qatar (Qia) sta trattando l’acquisto del 15-20% del Monte dei Paschi di Siena dalla Fondazione Mps. Lo scrive Il Messaggero in edicola sabato 8 febbraio aggiungendo che la Qatar Investment Authority “sta monitorando anche altre banche italiane”. E che, in particolare, sarebbe “molto attivo su Unicredit e sta vagliando altre opzioni, da Carige al Banco Popolare”.

Sulle quote della banca senese che entro giugno dovrà varare una ricapitalizzazione da 3 miliardi di euro rinviata sotto Natale proprio per le difficoltà dell’indebitatissima Fondazione Mps, i consulenti di Lazard, sempre secondo il quotidiano romano del gruppo Caltagirone, oltre al Qatar hanno in corso “sondaggi con il fondo sovrano dell’Oman”.

Un’operazione che toglierebbe le castagne dal fuoco al ministro del Tesoro, Fabrizio Saccomanni, che in caso di insuccesso dell’aumento di capitale dovrebbe farsi carico dell’istituto beneficiario di oltre 4 miliardi di euro di aiuti di Stato. A breve, indica ancora il Messaggero “potrebbe esserci una accelerazione su Siena e un blitz sul Banco. E se arriva l’attimo fuggente un’incursione in Borsa su Unicredit“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Zanonato spinge la Fiat all’estero: “Via dall’Italia? Meglio che lento declino”

prev
Articolo Successivo

Pedaggi, Lupi e Palenzona trovano l’accordo, via libera a sconti per i pendolari

next