Antonello Piroso è pronto per lanciarsi in una nuova avventura a metà tra internet e tv digitale, dopo aver lasciato la direzione editoriale di Blogo.it. Lo stesso giornalista e conduttore tv ha comunicato via Twitter lo scorso 28 gennaio il suo addio al sito di notizie e contenuti tematici e adesso sta preparando un progetto d’informazione che, come riferisce Italia Oggi, dovrebbe partire a fine aprile, in tempo per l’ultimo mese della campagna elettorale per le Europee. A finanziarlo ci sono due investitori dal mondo del web e della tv.

Il nuovo sito sarà incentrato proprio sul personaggio di Piroso che già durante la sua permanenza a La7 aveva presentato un programma che prendeva spunto dal suo nome: (Ah)iPiroso. Ma l’ex direttore dell’informazione di La7 (venduta poi dal gruppo Telecom Italia a Urbano Cairo) ha un passato eclettico, avendo vestito anche i panni di conduttore tv in trasmissioni d’intrattenimento e quelli dell’attore teatrale (con una lettura sul caso Enzo Tortora). Non meno variegate le sue amicizie e le sue presenze nei think tank politici, come Vedrò dell’attuale presidente del consiglio Enrico Letta o sul fronte opposto come Atreiu, organizzato da Giorgia Meloni, ex ministro della Gioventù con Silvio Berlusconi premier e ora leader di Fratelli d’Italia. Con Marco Mezzaroma, imprenditore romano dell’omonima famiglia di costruttori ed ex marito di Mara Carfagna, invece, Piroso è socio e amico.

Alla base del divorzio con Blogo.it c’è stato il mancato sostegno pubblicitario al suo show Blogo in Diretta, in onda dal lunedì al venerdì alle 12.45, che registrava però buoni risultati di audience (nel 2013 a 21,6 milioni di visualizzazioni complessive). Lo ha confermato Salvatore Esposito, ceo e cofondatore di Populis srl che controlla Blogo.it, spiegando che “non c’è stato un riscontro commerciale e quindi abbiamo preferito concentrarci sulle aree dove ci sono invece più opportunità in questo senso”. Ma, sempre secondo Italia Oggi, tra le motivazioni ci sarebbe anche quella del compenso del giornalista, intorno ai 200 mila euro l’anno per condurre la trasmissione e mantenere la direzione editoriale.

Al momento Piroso non ha chiarito le vere cause che lo hanno portato a lasciare Blogo.it, un po’ come ha fatto quando è uscito da La7, nell’agosto del 2012. Anche se di recente, nella trasmissione Reputescion su La3, ha dichiarato che le sue dimissioni a vantaggio del successore Enrico Mentana non state dettate da “una scelta di mercato” ma da un “Berlusconi annuente e passivo” e da un “Franco Bernabè, presidente di Telecom Italia, che col mandato in scadenza cercava sponde e un suo grande protettore era Gianni Letta, che stimava Mentana”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tar accoglie ricorso Rai vs Agcom: “Fazio e Annunziata non violarono par condicio”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, “Ghigliottina”: tra gli ospiti Flavio Briatore e Concita De Gregorio

next