Il tribunale civile di Bologna ha acquisito le prove documentali presentate dall’Avvocatura dello Stato, ma ha ritenuto superflua la richiesta di altro materiale. E’ stata respinta inoltre la necessità di una consulenza tecnica per la quantificazione del danno non patrimoniale nella causa contro Valerio Fioravanti e Francesca Mambro, condannati definitivamente per la strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980. L’udienza è stata aggiornata ai prossimi mesi per la presentazione delle conclusioni. La decisione di merito del giudice potrebbe arrivare dopo l’estate.

L’Avvocatura dello Stato nei mesi scorsi aveva chiesto ai due il pagamento di un risarcimento da un miliardo di euro per danno “non patrimoniale” e 59,8 milioni di euro per “danno patrimoniale” da destinare alla presidenza del Consiglio e al ministro dell’Interno. Condannati definitivamente all’ergastolo per la strage che provocò 85 morti e 200 feriti, Mambro e Fioravanti, attualmente sono liberi dopo aver espiato la pena. L’Avvocatura dello Stato ha anche presentato un grafico basato su dati Istat che mostrava una caduta nelle entrate derivanti dal turismo nel periodo successivo alla strage, e ha indicato come perizie simili siano per esempio state fatte negli Stati Uniti dopo gli attentati dell’11 settembre. La difesa di Mambro e Fioravanti anche oggi si è opposta alla richiesta di risarcimento sostenendo che nel frattempo è intervenuta la prescrizione, e che l’individuazione e la quantificazione del bene statale “asseritamente leso” sono da considerarsi “assolutamente generiche”. “Noi non entriamo nel merito del fatto – ha detto l’avv. Alessandra Tucci – c’è una sentenza penale definitiva che non contestiamo e rispettiamo. Ma il processo civile ha regole ferree sul fronte della prove e delle preclusioni”. Sempre oggi l’Avvocatura ha ricordato di aver prodotto ben 17 atti interruttivi che eviterebbero la prescrizione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Web e insulti, se fossero solo sedativi?

next
Articolo Successivo

Uno Bianca, il nuovo album di “Bologna Violenta” canta i crimini dei fratelli Savi

next