La patologia in questione è abbastanza seria, tanto seria che esiste un test elaborato dall’Università di Milano per capire se si è o meno meteoropatici. L’aneddoto, invece, è legato a quello che diventerà un grande editore, Carlo Caracciolo, e suo cognato, da lì a breve re senza corona dell’Italia e di quella che fu la Fiat, Gianni Agnelli. Raccontò Caracciolo in un libro di memorie scritto prima di morire con Nello Ajello: “Gianni era meteoropatico. Un giorno di un secolo fa mi telefona, mi invita a colazione a Torino. Era inverno, l’inverno torinese. Così all’alba mi trascina su piccolo aereo, destinazione Costa Azzurra. Ma era cattivo tempo. Agnelli ordina al pilota di andare a Malta, dove forse c’è il sole. Ma anche lì piove. Nuovo cambiamento di rotta. Questa volta la destinazione è Roma. Dove Gianni trascina Carlo a fare un bagno nelle Acque Albulei”.

I due amici e parenti passano la notte a Roma, in casa Agnelli, in via XXIV maggio, di fronte al Quirinale. E l’indomani mattina, ancora all’alba, ripartono per Malta, dove il tempo dovrebbe essersi ristabilito. Niente da fare. Ritorno in Costa Azzurra, cielo grigio. Agnelli dice a Caracciolo che è meglio spostarsi a Parigi. Il principe Caracciolo lo invita alla calma, Agnelli lo pianta lì da solo. Pochi possono avere infinite possibilità economiche e tempo libero per permettersi una vita così. E spesso non basterebbero. Così dalla meteoropatia, di cui Agnelli soffriva e dalla quale fuggiva a bordo di aerei privati, con strascichi fisici non indifferenti, noi gente comune dobbiamo in qualche modo guarire. Nei casi più gravi è difficile anche alzarsi dal letto. Un test rivela la patologia, la cura è più complessa. Ne sono colpite 5 persone su cento. Molte. C’è chi suggerisce cure termali, con alternanza di acqua calda e fredda, agopuntura, omeopatia o fitoterapia. Nei casi più gravi – che si manifestano sotto forme di depressione – non restano che gli psicofarmaci.

emiliano.liuzzi@gmail.com  

Il Fatto Quotidiano del Lunedì, 3 febbraio 2014

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vergogna di essere se stessi

next
Articolo Successivo

Vivere dopo il potere

next