Il 2013 ha prodotto 293mila disoccupati in più del 2012. L’incremento in termini percentuali è del 10 per cento. A rilevarlo è stata l’Istat secondo cui il confronto tra dicembre e novembre evidenzia invece una diminuzione di 32mila unità dal numero delle persone senza lavoro (-1%). Andamento analogo per il tasso di disoccupazione che il mese scorso era al 12,7%, in calo di 0,1 punti percentuali in termini congiunturali ma in aumento di 1,2 punti nei dodici mesi.

Quanto ai giovani, i senza lavoro tra i 15-24enni sono 671mila, con un’incidenza su questa fascia d’età pari all’11,2%, in aumento di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 0,8 punti su base annua. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, ovvero la quota dei disoccupati sul totale di quelli occupati o in cerca, è invece del 41,6%, in diminuzione di 0,1 punti percentuali rispetto a novembre 2013, ma in aumento di 4,2 punti su base annua. Aumenta, poi, il numero di individui inattivi tra i 15 e i 64 anni: +0,4% rispetto al mese precedente (+51 mila persone) e dello 0,3% rispetto a dodici mesi prima (+46mila). Il tasso di inattività si attesta così al 36,5%, in aumento di 0,1 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,2 punti su base annua.

E se i disoccupati aumentano, naturale che diminuisca il numero di chi lavora. A dicembre 2013 gli occupati erano 22,27 milioni, in diminuzione dello 0,1% rispetto al mese precedente (-25 mila persone) e dell’1,9% su base annua (-424 mila). Il tasso di occupazione, pari al 55,3%, è così diminuito di 0,1 punti percentuali in termini congiunturali e di 1,0 punti rispetto a dodici mesi prima.  

Intanto a novembre nelle grandi imprese, ovvero le aziende con almeno 500 dipendenti, la retribuzione lorda per dipendente (al netto di quelli in cassa integrazione) ha registrato una crescita dell’1,7% su base annua, anche se contestualmente il costo del lavoro è aumentato del 2,5 per cento.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alitalia avvia procedura esuberi. Sindacati: “Ci aspettiamo proposta diversa”

next
Articolo Successivo

Cassa integrazione in deroga, Regioni sul piede di guerra: “Contro giovani e apprendisti”

next