“Fa l’idraulico più per passione che per soldi. Fisicamente è un bel tipo, prestante. Quando va a casa delle signore con il rubinetto gocciolante o la lavatrice in panne, si tiene sulle sue. Ma, se sospetta una certa accondiscendenza del gentil sesso, ecco che ha una strategia pronta, quasi “scientifica”: esce con la scusa di andare a prendere dei pezzi. Quando torna, dà una controllata al bidè, se è bagnato, vuol dire che la signora ha sentito il bisogno di darsi una “sistemata”. E qui, dopo un’aggiustatina al rubinetto (prima il dovere, ci mancherebbe) scatta l’operazione lavatrice…”.

Questa storiella me l’ha raccontata un amico, giurando e spergiurando che è vera. L’idraulico gnocco, però, ha breve vita. Avete presente il film “Travolti da un insolito destino nellazzurro mare d’agosto?” L’uomo ha da puzzà.  Ecco, dimenticatelo. Le donne moderne non si eccitano più di fronte a sudori ascellari e congiuntivi sbagliati. Adesso, ci aizzano giacche e cravatte (forse perché speriamo in un uso alternativo della cravatta, chissà). Secondo la classifica sui mestieri più sexy, il maschio che più ci garba è l’uomo di potere (33%), seguito dall’imprenditore (26%); il nostro idraulico si piazza solo all’ottavo posto (con un misero 5%). Che strana cosa l’emancipazione… Siamo diventate tutte venali e nell’uomo cerchiamo la sicurezza economica? O, semplicemente, non dobbiamo più dimostrare niente e siamo libere di innamorarci dell’uomo incravattato?

Io – con quello che mi permette il mio neurone da sex-blogger – ho elaborato una mia teoria. Vi ricordate l’uomo coca-cola? Quel fusto della pubblicità che ci ha mandato gli ormoni in circolo mentre lui sorseggiava gocce dalla lattina? Bene. In giro, di manovali così non ce ne sono più, manco a pagarli oro. Adesso tutti vogliono fare i lavori “intellettuali”, la mano d’opera scarseggia e, forse, anche l’opera di mano…

Seguimi anche sul mio blog

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il “Manifesto del pomodoro” secondo lo chef torinese Marcello Trentini

prev
Articolo Successivo

Il made in Italy piace negli States: ora anche nel cibo per animali

next