Una ragnatela d’interessi con rapporti segretissimi e a più livelli. Professionisti, insospettabili, manager ma anche un vice-prefetto tutti felici e in rapporti con il clan Contini. Una storica cosca napoletana nata, cresciuta e radicata nella zona Vasto-Arenaccia dalle parti della stazione centrale di Napoli. Un’organizzazione tentacolare che nonostante la detenzione del boss Eduardo Contini detto O’ romano e del suo braccio destro nonché cognato Patrizio Bosti ha continuato a vivere di vita propria. Un meccanismo perfetto costruito come un orologio svizzero. Una storia di camorra di alto lignaggio nata dalla genesi dell’alleanza della Nuova Famiglia. Anche i bamboccioni di ultima generazione della criminalità, i gruppuscoli malavitosi sempre in guerra tra loro per il controllo del mercato della droga quando sconfinavano oppure solo immaginano di circumnavigare la zona del Vasto-Arenaccia si fermavano e spaventati ammettevano: “Non scherziamo lì ci sono i Contini”.

Un mito criminale, un’entità, un’istituzione (in tutti i sensi) che nel corso degli anni ha regnato a Napoli e soprattutto lontano da Napoli. È la camorra vera, infiltrata e addentro a mondi e universi paralleli. Finanziariamente disinvolta e con agganci importanti nel cuore della società. Una straordinaria struttura cresciuta come una quercia e che affonda le sue robuste radici nel terreno della vita quotidiana. Un’organizzazione che approfittando della crisi economica internazionale è riuscita a consolidarsi e diventare una “piazza finanziaria” con il riciclaggio del denaro e il reinvestimento di ingenti capitali nei nuovi business. Tecniche, strategie e conoscenze raffinatissime. È il volto della camorra vera quella che il compianto studioso e sociologo Amato Lamberti descriveva e denunciava nel più assoluto isolamento: accademico, politico e sociale.

Lo spaccato che fuoriesce dall’inchiesta “Pizza connection” è tutto da analizzare e decriptare. Una holding affaristico-criminale scardinata dalla Procura di Napoli grazie all’impegno di magistrati rigorosi come Marco Del Gaudio e Ida Teresi e con il sapiente coordinamento della Procura nazionale antimafia guidata da Franco Roberti e che ha visto le investigazioni dei sostituti procuratori nazionali Filippo Beatrice e Francesco Curcio (questi ultimi con Roberti per anni costituivano il cuore del pool anticamorra). I numeri fanno accapponare la pelle. Novanta arresti in tutta Italia e il sequestro di numerose e svariate attività economiche per lo più distribuite su Roma e Toscana, conti correnti, immobili, per un valore complessivo di oltre 250 milioni di euro. Un livello di collusione, collaborazionismo e complessità per numero di persone coinvolte che la dice lunga sul senso etico e impermeabile dei vari settori della nostra società.

Donne e uomini a disposizione del sistema. Professionisti in sonno pronti a svegliarsi all’occorrenza e offrire i propri servigi. Dalle duemila carte dell’ordinanza emergono dettagli, particolari, episodi finiti sullo sfondo delle cronache ma che, invece, ben descrivono il mondo a parte, la sostanza, la filigrana di un potere, potere. A Napoli il direttorio del clan sceglieva – alcune volte – come location per incontri, riunioni, messa a punto di strategie, un ospedale. Si, proprio così. Il “San Giovanni Bosco”, una struttura sanitaria di frontiera collocata non molto distante dall’aeroporto di Capodichino e in linea d’aria vicino al rione Amicizia, considerato la roccaforte del clan Contini era il “luogo sensibile” del clan, l’ufficio. Il bar e il ristorante interni del nosocomio come del resto un parcheggio erano gestiti da uomini dei Contini. C’era un infermiere – secondo le indagini – che nei fatti fungeva da elemento di collegamento tra il quartiere e i boss durante la latitanza. Ognuno sapeva cosa fare e quando farlo.

Ciò che appare normale, quotidiano, a volte non lo è. Occorre guardare dentro. Mettere le mani su ospedali, gestire supermercati, bar, ristoranti, pizzerie, locali notturni, negozi di alimentari, distributori di benzina è un canovaccio studiato analiticamente dal clan. Avere direttori di banche e finanziarie a disposizione è possedere le leve del potere. I Contini hanno puntato alla normalità: infiltrarsi, contaminare, vivere la vita di tutti i giorni diventando un pezzo, uno strato, un collante della società intesa come luogo proprio della vita e degli interessi della gente.

La domanda è puntuale: i Contini come hanno potuto fare tutto questo da soli? Mi chiedo: l’enorme potere di mobilitazione, aggregazione, chiamata alle armi della cosca è stato mai sfruttato da qualche politico? Le varie Commissioni parlamentari antimafia hanno mai percepito l’esistenza di questo sistema? E se no, non occorre urgentemente rivederne i meccanismi della stessa Commissione ? E poi, se Eduardo Contini e Patrizio Bosti hanno avuto tutto il tempo di intarsiare il loro potere enorme non è forse giunto il momento di legiferare norme antimafia più stringenti e serie? Perché le istituzioni e in particolare il Parlamento continuano a ignorare questi temi e non inseriscono la lotta alle mafie economiche ai primi posti dell’agenda del fare?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, Renzi: “Se si affossa, stop alla legislatura”

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, Renzi mette in riga il Pd: via gli emendamenti scomodi

next