Cinque indagati e una sola accusa: violazione di domicilio con pena fino a cinque anni di carcere. Questo il risultato dell’inchiesta della Procura di Milano sul blitz di un gruppo di animalisti del “coordinamento fermiamo Green Hill” che il 20 aprile 2013 è entrato nel Dipartimento di Farmacologia, Chemioterapia e Tossicologia medica dell’Università di Milano in via Vanvitelli 32 incatenandosi nello stabulario e ottenendo, dopo ore di trattative, la liberazione di un migliaio di cavie da laboratorio. Il fascicolo è affidato al pubblico ministero Alessandro Gobbis del quarto dipartimento della Procura che tratta i reati di terrorismo. La chiusura è prevista per la prossima settimana. L’indagine, durata circa otto mesi, scatta una fotografia di un ambiente che non appare, ad oggi, legato ai centri sociali. Un universo variegato che fa sponda sui circoli vegani ed è composto da studenti ed ex studenti universitari. Tutti uniti nella battaglia contro la vivisezione

Durante l’occupazione e prima di legarsi con le catene, gli animalisti hanno aperto delle gabbiette e cambiato posto a topi, ratti e conigli, tenuti divisi in base ai trattamenti a cui sono sottoposti. Il giorno successivo, in piazza ci vanno i ricercatori. ”Queste persone – disse uno degli studenti – non si rendono conto che liberando topi e conigli usati in laboratorio non solo creano un danno economico all’università, ma danneggiano anche lo stesso animale. Si tratta infatti di esemplari con un sistema immunitario più basso, incapaci di vivere liberamente e forse anche con malattie infettive”.

Due giorni dopo, il 23 aprile, arriva la denuncia (pubblica e penale)  del rettore dell’Università di Milano Gianluca Vago e del direttore del dipartimento Bioscienze del Cnr Tullio Pozzan che descrivono il blitz degli animalisti come “un’aggressione” con conseguente “devastazione”. In questo frangente sia il rettore che il direttore del Cnr ribadiscono “la totale solidarietà a tutti i ricercatori coinvolti, indicati, durante la manifestazione e in seguito su diversi siti collegati all’operazione, come maledetti assassini, torturatori, con una violenza verbale inaccettabile”. 

Insulti e minacce. Il particolare torna di attualità, quando sui muri di Milano, nella notte tra il 6 e il 7 gennaio 2014, compaiono manifesti con i nomi e gli indirizzi di alcuni ricercatori. Sul caso, fin da subito, indaga la Digos che riconduce gli autori all’interno della galassia animalista. Quattro i professori universitari accusati di essere “assassini” e “vivisettori”: Alberto Corsini, Edgardo D’Angelo, Maura Francolini e Claudio Genchi. Immediata scatta la denuncia penale con conseguente presa di posizione pubblica da parte dell’Ateneo. “Non e’ la prima volta che subiamo atti di questo tipo – si legge in un comunicato stampa – ma la nostra posizione non cambia. L’11 febbraio verra’ conferita, come deciso, la laurea honoris causa in Chimica e tecnologie farmaceutiche a Silvio Garattini, in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico. Tra i ricercatori ora c’e’ desiderio di normalita’ e di andare avanti con il loro lavoro”. 

Il fatto, decisamente più preoccupante di quello di aprile, confluisce nel fascicolo aperto dal pm Gobbis. Ad oggi, però, sul fronte dei volantini non ci sono indagati. Il capitolo sugli animalisti, per. ora, si conclude con l’annunciato avviso di chiusura indagini a carico di cinque persone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Regione Abruzzo, 25 indagati per rimborsi “facili”. Chiodi: “Si può spiegare tutto”

prev
Articolo Successivo

Carceri, presidente Cassazione: “Indulto per ridurre subito il numero dei detenuti”

next