Prima gli è stata tolta, poi gli è stata riconfermata. Il capitano Ultimo, l’ufficiale dei carabinieri che il 15 gennaio 1993 arrestò a Palermo Totò Riina, continuerà ad avere la scorta. Perché sulla sua testa pende ancora la condanna a morte del Capo dei capi che nelle ultime esternazioni nel carcere milanese di Opera con il boss Alberto Lorusso è tornato a minacciare chi ha contribuito al suo arresto e i pm di Palermo.

In un primo momento il Comitato per la sicurezza pubblica, presieduto dal prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro, aveva deciso  di revocare la protezione per il colonnello del Noe Sergio De Caprio. La notizia era stata anticipata dal settimanale Panorama. Ma nel corso del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica a Roma è avvenuta la retromarcia: Ultimo continuerà ad avere il suo angelo custode.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Novara, nasconde il corpo della madre nel freezer per riscuotere la pensione

prev
Articolo Successivo

Il compagno Roberto Franceschi, la sinistra oggi e la rivoluzione quotidiana

next