Prima gli è stata tolta, poi gli è stata riconfermata. Il capitano Ultimo, l’ufficiale dei carabinieri che il 15 gennaio 1993 arrestò a Palermo Totò Riina, continuerà ad avere la scorta. Perché sulla sua testa pende ancora la condanna a morte del Capo dei capi che nelle ultime esternazioni nel carcere milanese di Opera con il boss Alberto Lorusso è tornato a minacciare chi ha contribuito al suo arresto e i pm di Palermo.

In un primo momento il Comitato per la sicurezza pubblica, presieduto dal prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro, aveva deciso  di revocare la protezione per il colonnello del Noe Sergio De Caprio. La notizia era stata anticipata dal settimanale Panorama. Ma nel corso del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica a Roma è avvenuta la retromarcia: Ultimo continuerà ad avere il suo angelo custode.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Novara, nasconde il corpo della madre nel freezer per riscuotere la pensione

next
Articolo Successivo

Il compagno Roberto Franceschi, la sinistra oggi e la rivoluzione quotidiana

next