Il governo pone la questione di fiducia nell’Aula della Camera sul decreto Imu-Bankitalia. Lo ha formalizzato il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Dario Franceschini, ricordando che la votazione si terrà venerdì 24 gennaio a partire dalle 11.45.

Montano intanto le critiche al provvedimento che, tramite la discussa rivalutazione delle quote di via Nazionale, garantirà a Intesa e Unicredit – i due più importanti azionisti – un guadagno compreso fra i 2,7 e i 4 miliardi. Massimo Corsaro di Fdi è stato espulso dall’Aula della Camera, perché urlava il suo dissenso contro la scelta del governo di porre la fiducia sul decreto. Mentre Franceschini illustrava le ragioni che inducono il governo a porre la questione di fiducia, il deputato ha iniziato a contestare dal suo posto ad alta voce, urlando “state svendendo Bankitalia, vergognatevi”. Corsaro è stato richiamato all’ordine dalla presidenza dopo di che è stato invitato ad abbandonare l’aula, tra le proteste dei colleghi di gruppo.

Rincara la dose il presidente dei deputati di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. “Letta privatizza Bankitalia svendendola ai suoi amici delle banche”, scrive su twitter. “E per paura degli emendamenti mette la fiducia. La rapina del secolo“. Ma le critiche al provvedimento riguardano anche gli altri partiti. Settimana scorsa il Movimento 5 Stelle ha presentato un emendamento al decreto per chiedere di annullare la discussa rivalutazione delle quote di via Nazionale, “altrimenti sarà guerra totale”. E alcuni giorni dopo la formazione politica Lista civica italiana ha lanciato una petizione rivolta al premier Enrico Letta e al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano con un comunicato dal titolo: “Giù le mani dalla Banca d’Italia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Berlusconi, storia del povero leader dalle Bermuda al Garda

prev
Articolo Successivo

Legge elettorale, chi ha strappato la norma sul conflitto di interessi?

next