L’ex Capo di Stato di San Marino, Pietro Berti, è stato arrestato con l’accusa di molestie sessuali. Berti, 46 anni, è medico di base e, secondo le denunce di alcune pazienti, si sarebbe reso protagonista di molestie a sfondo sessuale di vario tipo. Berti è stato arrestato suordine del commissario della legge, Laura Di Bona. Il professionista è una personalità conosciuta a San Marino anche per il suo impegno di parlamentare tra le fila del Partito democratico cristiano sammarinese (Pdcs). Dipendente dell’Iss-Istituto di sicurezza sociale è in servizio come medico di base a Serravalle. Dopo una serie di esposti alla magistratura da parte di diverse pazienti, è stato fermato ieri sera dalla polizia giudiziaria sammarinese. Secondo le denunce delle donne visite dal professionista sammarinese, anche a fronte di un mal di gola, il medico chiedeva alle pazienti di spogliarsi. Le pazienti – stando alle accuse – si sono trovate, spesso, di fronte ad apprezzamenti sulla biancheria intima, palpatine e vere e proprie carezze a sfondo sessuale. Sposato con una parlamentare del gruppo democristiano, Berti è stato parlamentare, Reggente e quindi capo di stato a San Marino, presidente della commissione parlamentare contro la droga con svariati cariche per la Dc.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bologna, i volontari dei circoli Pd: “Facciamo troppe primarie, siamo stanchi”

next
Articolo Successivo

Claudio Abbado, Cancellieri: “Era una persona di una sensibilità straordinaria”

next