Il debito pubblico dell’Eurozona è sceso nel terzo trimestre del 2013 per la prima volta dal 2007. Ma le buone notizie finiscono qui. Il debito italiano, infatti, pur avendo registrato un calo dello 0,4%, resta il secondo più alto nel Vecchio continente dopo la Grecia

Tornando all’area euro, i dati Eurostat mostrano che l’indebitamento si è attestato al 92,7% del Pil, registrando un calo di 0,7 punti dal 93,4% del trimestre precedente. Rispetto al terzo trimestre del 2012, invece, il debito pubblico nei 17 Paesi della moneta unica è comunque aumentato (era infatti al 90% del Pil). In particolare, segnala Eurostat, i prestiti intergovernamentali accordati principalmente a Grecia, Portogallo e Irlanda pesano per il 2,4% del Pil, pari a 224,6 miliardi, dato in crescita rispetto tanto al trimestre precedente (2,3%) quanto al terzo trimestre 2012 (1,7 per cento).

Il debito italiano è sceso nel terzo trimestre dello 0,4% rispetto ai tre mesi precedenti, dal 133,3% al 132,9%, mettendo a segno la prima riduzione dalla fine del 2011. In termini assoluti è sceso da 2.076,3 miliardi a 2.068,7 miliardi di euro. Rispetto al terzo trimestre del 2012, il debito è però aumentato tanto in valori assoluti (da 1996,5 miliardi a 2.068,7 miliardi) quanto come percentuale sul Pil (da 127% a 132,9 per cento). Il Belpaese resta così in cima alla lista dei Paesi più indebitati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi greca, nel 2010 l’allora premier Papandreou rifiutò il taglio del debito

next
Articolo Successivo

Deutsche Bank, le avvisaglie della prossima crisi

next