La nave con le armi chimiche dalla Siria arriverà a febbraio nel porto di Gioia Tauro in Calabria e il trasbordo avverrà in mare. Il governo rassicura, dopo le tante polemiche dei giorni scorsi, amministratori locali e cittadini. “Le operazioni”, ha dichiarato il governatore della Regione Giuseppe Scopelliti al termine dell’incontro a Palazzo Chigi con il presidente del Consiglio Enrico Letta e il ministro dell’ambiente Orlando, “di trasferimento dei container con le armi provenienti dalla Siria, avverranno in mare, da nave a nave, in un raggio di sicurezza che non coinvolge il territorio. La nave arriverà a febbraio – ha detto – ma non abbiamo ancora certezza sulla data”.

Il governatore ha però ribadito che l’incontro con il governo ha portato buoni risultati. “Abbiamo avuto ampie rassicurazioni dal presidente Letta” e dunque “l’operazione si può immaginare”. “C’era stato fatto un quadro allarmante – ha aggiunto – ed invece ci è stato spiegato che analoghe operazioni sono già state fatto nel 2012 e nel 2013 sia a Gioia Tauro sia in altri porti italiani”. E ha concluso: “Dal presidente Letta è stato espresso l’impegno per un tavolo sul porto calabrese”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stappa spumante e buca quadro del XVIII secolo. Confessa l’assessore al personale

next
Articolo Successivo

Terra dei fuochi: Michele, vigile morto di dovere e di isolamento

next