“Negro, Marrone e Carbone. Cécile si fa il suo ‘monocolore'”. Con tanto di mini infografica dal titolo “I tre collaboratori”. L’articolo (sopra) compare su Libero (leggi) e intende ironizzare sui cognomi dei collaboratori del ministro dell’Integrazione Kyenge, il primo di colore nella storia della Repubblica italiana.

Il giornalista, che si firma con la sigla “F. B.”, scrive: “[…] a giudicare dai cognomi dei principali collaboratori che si è scelta – la Kyenge è riuscita a varare il primo ministero monocolore”. E prosegue: “Il suo segretario particolare si chiama infatti Paolo NEGRO (scritto in maiuscolo come gli altri due cognomi, ndr). Il consigliere per il dialogo fra le culture e le religioni è il dottor Marco MARRONE. Il capo di gabinetto è invece il dottor Angelo CARBONE“. E, conclude il pezzo, l’unico collaboratore che esce dal “monocolore” è “Piergiorgio CHERUBINI“. Battuta finale: “Se anche in questo caso il nome deve essere evocativo, significa che la Kyenge punta a relazioni molto in alto”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sessant’anni Rai: la rinuncia alla riflessione sul servizio pubblico

prev
Articolo Successivo

Diritto d’autore: prevale il buon senso. Stop di Bray sulla ‘copia privata’

next