La battaglia continua. La web tax, la tassa voluta dal presidente della commissione Bilancio della Camera Francesco Boccia (Pd), è stata nuovamente messa sotto la lente d’ingrandimento anche dall’Unione Europea, dopo che la scorsa notte era sta stravolta dalla politica. E, ora, si merita ancora di più il suo primo nome Google Tax. Sono stati ridotti il perimetro di applicazione della norma che, secondo i critici e secondo Matteo Renzi che l’aveva attaccata via Twitter, avrebbe paralizzato l’eCommerce italiano e innescato furibonde reazioni da parte della Commissione europea e dei Paesi che scambiano beni e servizi per l’Italia. Inoltre, l’obbligo di acquistare servizi da chi ha una partita Iva italiana vale soltanto per il settore della pubblicità “e link sponsorizzati on line”. Un tentativo di costringere Google a pagare più tasse in Italia per i servizi che vende a imprese italiane. Dalle 14,30 saremo in diretta streaming sul FattoTv per parlarne. In studio ci saranno: Stefano Feltri (il Fatto Quotidiano); Francesco Boccia (Pd) e Guido Scorza (avvocato e blogger de ilfattoquotidiano.it). Potete interagire tramite il sito e i social network. Per Twitter gli hashtag sono: #FattoTv #Dilloaboccia #webtax

GUARDA LA DIRETTA

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Charta, addio all’editore d’altri tempi

prev
Articolo Successivo

Boccia: “Web tax? Sbagliato chiamarla così. Renzi ha posto male il problema”

next