Tensione nel tardo pomeriggio davanti alla ex caserma Chiarini di via Mattei, a Bologna, che fino a qualche tempo fa ospitava il Cie, ora chiuso per una ristrutturazione. Ci sono stati ‘contatti’ fra le forze dell’ordine e gli attivisti di collettivi e centri sociali (tra le sigle Tpo, Labàs, Vag61), che avevano organizzato una iniziativa di protesta contro la possibile riapertura della struttura, nella giornata internazionale dei diritti dei migranti e dei rifugiati. La manifestazione è cominciata poco dopo le 18, con un centinaio di persone che si sono radunate davanti all’ingresso della ex caserma, già presidiata dalle forze dell’ordine. Lo scontro si è verificato quando alcuni manifestanti si sono avvicinati al muro della struttura per tracciare la scritta ‘Mai più Cie’, e sono stati allontanati a forza dagli agenti.

Gli attivisti parlano di alcune persone ferite alla testa a causa di ‘spintoni e cariche a freddo’. Questo è stato, a quanto risulta, l’unico momento di contatto sebbene anche in seguito siano continuati lanci di fumogeni e accensione di petardi. Poco dopo i manifestanti si sono riavvicinati al muro completando la scritta e tracciandone altre (‘luoghi d’internamento’ e ‘i cie non li vogliamo né ora né mai’). La manifestazione è terminata intorno alle 19.30.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ripresa economica 2014, vado a vivere in Albania

next
Articolo Successivo

Pista ciclabile a Modena: presentazione di decisioni già prese

next