C’è un film nelle sale da giovedì 19 dicembre che Papa Francesco dovrebbe vedere, come lo stesso regista ha auspicato a settembre alla Mostra del Cinema. Non perché “Philomena” di Stephen Frears sia un film da non perdere per sceneggiatura, qualità attoriale e tecnica filmica (è stato applauditissimo sul Lido), ma perché racconta la storia vera di una donna il cui figlio fu venduto dalle suore che l’avevano “ospitata” e aiutata a partorire, anche se volontariamente con molto dolore. Per quella ospitalità le sorelle del convento di Roscrea in Irlanda dovevano essere ripagate con 100 sterline. E Phil, che aveva di fatto firmato un contratto, lavorava come lavandaia come tutte le altre. O almeno quelle che riuscivano a sopravvivere. Solo dopo aver pagato le fanciulle, che avevano ceduto alla carne, potevano ritornare libere.

Ma la tragedia di Phil, che il regista de “Le relazioni pericolose” tratta con grazia e il sense of humor di cui solo un inglese può essere capace, è stata ed è ancora la storia di molte donne irlandesi. Che, come ci dice lo stesso regista nei titoli di coda, ancora cercano quei figli strappati dal grembo e dalla loro vita per essere portati lontano, soprattutto negli Usa. Una vicenda umana, rivelata dal Guardian e nel libro di Martin Sixsmith, che toglie il fiato. Ed è per questo che il personaggio del giornalista indignato grida “maledetti cattolici” e non concede, lui laico appassionato di storia russa, il suo perdono. A differenza di Philomena che nonostante tutto crede, nonostante tutto perdona. 

Bergoglio – nominato personaggio dell’anno da Time – è il pontefice degli umili, dei poveri, dei malati. Ha da poco accolto la proposta di istituire una commissione che indaghi sulla pedofilia nella Chiesa. Anche strappare un figlio alla madre perché da adolescente ha “peccato” è un abuso. Se il Papa vedesse questa pellicola – in cui non si giudica ma si piange e si ride – potrebbe contribuire a quella ricerca che alcune donne non sono ancora riuscite a completare per i motivi che chi vedrà il film conoscerà. Lui che può le aiuti.

Modificato alle 16 dell’11 dicembre 2013

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Philomena, il dramma delle ragazze madri irlandesi che non fa solo piangere

prev
Articolo Successivo

Torino Film Festival, Virzì lascia la guida. Il timone della kermesse passa a Martini

next