“Non è la biografia di Giorgio Napolitano. Semmai è tutto quello che manca alle biografie ufficiali di un uomo arrivato alla veneranda età di ottantotto anni che non può più guidare l’automobile, ma lo Stato sì”. Così Marco Travaglio, vicedirettore de il Fatto Quotidiano, spiega il contenuto del suo ultimo libro “Viva il Re!” (edito da Chiarelettere), dedicato al Capo dello Stato. Travaglio ha scritto della sua carriera e soprattutto dei suoi sette anni e mezzo al Quirinale. Si tratta della controstoria del primo presidente della Repubblica che ha concesso il bis, contro lo spirito della Costituzione e contro tutto quello che aveva giurato fino al giorno prima della sua rielezione. “In un altro paese, un paese davvero democratico – sottolinea Travaglio – se ne discuterebbe liberamente e laicamente. In Italia è come se fosse vietato“. Un tabù che abbiamo sfatato anche dagli studi del FattoTv, dove si sono confrontati Marco Travaglio e Stefano Feltri (il Fatto Quotidiano)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Senato, prorogati i tagli alle indennità. Stretta sulle assenze dei senatori a vita

next
Articolo Successivo

Forconi, secondo giorno di protesta. Alfano: “Non consentiremo città a fuoco”

next