Bali, 3-6 dicembre 2013. C’erano centocinquantanove Paesi, compresi i membri del governo italiano e d’Europa; c’era l’approvazione delle grandi multinazionali d’Occidente, ma non dei loro popoli.
Non c’era l’informazione; né prima né dopo, non c’è stato il dibattito pubblico sulle ragioni e conseguenze di un accordo subito battezzato come storico.

Si stima che il trattato produrrà 26 milioni di posti di lavoro, ma dove?
Quanti invece i posti di lavoro che si perderanno in Europa?
Di quali diritti e stipendi beneficeranno gli assunti?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lotta alla corruzione, il presupposto deve essere la trasparenza

next
Articolo Successivo

Matteo Renzi è di destra o di sinistra?

next