Copertina di Luca Bertazzoni sulle dichiarazioni di Berlusconi e sullo scandalo in Regione Piemonte, per il quale il presidente Roberto Cota si rifiuta di rispondere alle domande del giornalista. Si scopre così che il consigliere Boniperti si è fatto rimborsare 153 euro di gorgonzola, e poi lavatrice e frigorifero, un altro i campanacci per i bovini. Il consigliere Botta è accusato di aver speso 79mila euro pubblici tra boutique, set da viaggio, profumi, corsi vari, la consigliera Portaruli ha speso 4800 euro pubblici per imparare ad usare Twitter, oltre che per profumi e gioielli, la consigliera Costa, tra le varie spese ammontanti a 32mila euro, si è fatta rimborsare il cambio delle gomme della sua auto personale. Quasi tutti i consiglieri regionali eludono le domande di Bertazzoni. Nel finale, Cota spiega che non ha nulla di cui rimproverarsi e che tutto il fango si seccherà e ricadrà su chi l’ha tirato. E ovviamente afferma che non pensa alle dimissioni

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ncd, Alfano presenta il nuovo logo: “Il blu è il nostro colore”. E Twitter si scatena

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, De Girolamo: “Tornare al mattarellum non è la soluzione”

next