Presentazione flop del logo del Nuovo Centrodestra al Tempio di Adriano a Roma. Il video non parte, l’audio si inceppa più volte, tanto che alla fine il leader del nuovo movimento Angelino Alfano è costretto a prenderne una copia cartonata e sollevarla per renderla visibile a fotografi e tv. “Da oggi  – spiega Alfano – il nostro colore è il blu. Il blu è il colore del mare, un colore che da forza: è la forza del mare, è la bellezza del cielo, è il colore dei sogni di Mirò. E’ il colore della  serenità e il colore di chi ha una grande speranza”. Terminata la breve presentazione Alfano lascia la sala in tutta fretta. Intanto, puntuale, si scatena l’ironia su Twitter. In tanti bocciano senza appello la grafica del logo e non pochi la associano ai farmaci: “Ammazza che brutto il simbolo del Nuovo Centrodestra! Sembra quello di un medicinale!”, “Ma quanto è inspiegabilmente brutto il simbolo? Sembra il marchio di un purgante“, scrive Zero. “Non so se usare il simbolo per farmi passare il singhiozzo, continuare con la foto di Alfano”, è il commento di un altro. A qualcuno, invece, ricorda il simbolo “di Linkedin: onorevoli già in cerca di lavoro?”. A qualcun altro il contrasto cromatico ricorda “la bandiera della Grecia“, mentre c’è chi si chiede se sia stato “disegnato da un seienne con il normografo” e chi più brutalmente sostiene: “Roba da prendere a schiaffoni grafico, editor e lo stesso Alfano”. Taglia corto un utente: “Appena nato, il Nuovo Centrodestra può già vantare un primato: ha il simbolo più brutto della storia”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tap, Camera approva accordo internazionale. L’ostruzionismo M5S non basta

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Rimborsopoli in Piemonte

next