Per la prima volta grazie a Internet e a un algoritmo simile a quello usato per le previsioni del tempo è stato possibile prevedere con fino a nove settimane di anticipo il picco dell’influenza. L’impresa, descritta su Nature Communication, è della Columbia University, che ha utilizzato i dati di Google Flu Trend, l’applicazione che monitora il virus sulla base delle ricerche sul web adattandoli alla realtà.

Il sistema messo a punto dai ricercatori ha mescolato in un algoritmo i dati di Google con i report dei Cdc sulle prime fasi dell’epidemia 2012-2013, producendo a fine novembre le proprie predizioni sul picco in 108 città americane. Questo approccio, spiegano nell’articolo, è simile a quello usato per le previsioni del tempo, in cui i modelli teorici vengono modificati man mano che arrivano dati reali. La “predizione” si è rivelata esatta nel 70% dei casi, con un anticipo in media di due-quattro settimane ma che in qualche caso è arrivato a nove.

“Sapere con anticipo il timing e l’intensità di un’epidemia di influenza può aiutare ad evitarne almeno una parte – spiega Jeffrey Shaman, uno degli autori -. Per le persone la previsione può promuovere la vaccinazione o l’attenzione nei comportamenti. Per i dirigenti sanitari può essere invece utilizzata per decidere quanti vaccini o farmaci antivirali stoccare o se è necessario prendere altre misure come la chiusura delle scuole”.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Come si combatte la disinformazione scientifica?

next
Articolo Successivo

Vaccini: due anniversari per ricordare (e spiegare) quelli antipoliomelite

next