grillo-europaL’europarlamentare di Forza Italia Susy De Martini il giorno prima del V-Day ha rilasciato un’intervista per AgenParl nella quale paragona Grillo ad Alfano chiamandolo “traditore”.

Il TgCom24 ha deciso di riprendere le parole della forzista solo 2 giorni dopo (il day after V-day) facendone un titolone acchiappaclick senza cercare nessuna conferma o smentita (o quantomeno informazione aggiuntiva). Non serve tantissimo per smentire la notizia, basta solo immaginare se sia possibile o meno iscriversi ad un gruppo parlamentare non essendo un membro del Parlamento. Basta guardare i membri iscritti all’Alde.

Ci risulta difficile vedere iscritto, in un qualsiasi gruppo che abbia attività nel Parlamento – europeo o italiano che sia –  qualcuno che deve essere ancora candidato ed eletto.

Inoltre a smentire le parole dell’europarlamentare di Forza Italia arriva il post di Grillo: “P.s: Nessuna decisione è stata presa relativamente al gruppo parlamentare in cui siederà il M5S in Europa. Le notizie che affermano il contrario son false e prive di qualsiasi fondamento”).

di Francesco Manna (@FrancescoLamana) e Annalisa Rossi (@Ciottolina000)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Servizio Pubblico, troupe aggredita: punire per difendere il diritto di cronaca

prev
Articolo Successivo

Editoria, il settore ancora in crisi resta appeso agli aiuti pubblici

next