Tra la folla di attivisti, almeno 5mila persone, che sta riempiendo piazza Vittoria a Genova per il V day c’è Gianroberto Casaleggio. Saluta i parlamentari e al fattoquotidiano.it dice che non sa se salirà sul palco dove alle 14 parlerà Beppe Grillo. Il leader del Movimento 5 Stelle parlerà agli attivisti, ai militanti e agli elettori dopo l’entrata in Parlamento.

 

“Siamo qui dopo sei anni. Siamo diversi e siamo consapevoli della nostra forza” spiega l’uomo che condivide la leadership del Movimento 5 Stelle con Grillo. Dice di esser contento del lavoro dei parlamentari, dell’impegno nelle aule di Camera e Senato in questi mesi di legislatura che hanno già visto tanti momenti storici come la perdita dello scranno a Palazzo Madama del leader di Forza Italia, che ormai è all’opposizione del governo Letta come lo è il Movimento 5 Stelle.

“Grillo dirà cosa faremo alle europee, quali sono i nostri progetti per il futuro”. Sulla piattaforma partecipativa, argomento al centro di molte polemiche, il guru però non vuole rispondere. Alla domanda se la decadenza di Silvio Berlusconi, ormai definitivamente fuori dal Senato ma non dalla politica attiva, potrebbe in qualche modo indebolire il movimento dice: “No so rispondere”.  

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

V day Genova, dopo nove mesi di parlamento oggi i 5 stelle si contano

prev
Articolo Successivo

V Day Genova, i parlamentari: “Utopia e cambiamento, B. cacciato grazie a noi”

next