Prima di una meritata doccia calda alzo la musica a tutto volume.

Tra una canzone e l’altra, scelte a random dal mio computer, sento suonare il campanello.

Coprendomi di fretta, chiedo chi è. “Sono la vicina!”. Riconosco la voce della badante straniera della dirimpettaia.

“Mi dica”, dico mentre apro leggermente la porta. “La signora sta riposando”.

Trattasi di una vedova di 90 anni.

“Oddio, mi scusi, in cinque anni non mi ha mai detto che le dava fastidio la musica, e pensavo avesse l’apparecchio acustico“.

“Si infatti, non dà fastidio, voleva sapere se potevi rimettere quella di prima”.

Led Zeppelin o Daft Punk?”

“Tutti e due piacciono, basta che tieni alto il volume!

Auguro a tutti i giovani di alzare la voce per farsi sentire.

Auguro a tutti gli anziani di avere ancora energia per ascoltare.

E soprattutto auguro a tutti di avere dirimpettai così ‘rock and roll’.

(Illustrazione di Lydia Giordano)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Violenza sulle donne: #NoiNo, dividere gli uomini in buoni e cattivi non serve

prev
Articolo Successivo

#25novembresempre: le donne oggetti fragili e i danni delle istituzioni

next