Prima di una meritata doccia calda alzo la musica a tutto volume.

Tra una canzone e l’altra, scelte a random dal mio computer, sento suonare il campanello.

Coprendomi di fretta, chiedo chi è. “Sono la vicina!”. Riconosco la voce della badante straniera della dirimpettaia.

“Mi dica”, dico mentre apro leggermente la porta. “La signora sta riposando”.

Trattasi di una vedova di 90 anni.

“Oddio, mi scusi, in cinque anni non mi ha mai detto che le dava fastidio la musica, e pensavo avesse l’apparecchio acustico“.

“Si infatti, non dà fastidio, voleva sapere se potevi rimettere quella di prima”.

Led Zeppelin o Daft Punk?”

“Tutti e due piacciono, basta che tieni alto il volume!

Auguro a tutti i giovani di alzare la voce per farsi sentire.

Auguro a tutti gli anziani di avere ancora energia per ascoltare.

E soprattutto auguro a tutti di avere dirimpettai così ‘rock and roll’.

(Illustrazione di Lydia Giordano)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Violenza sulle donne: #NoiNo, dividere gli uomini in buoni e cattivi non serve

next
Articolo Successivo

#25novembresempre: le donne oggetti fragili e i danni delle istituzioni

next