Il nuovo album di Enzo Jannacci, realizzato del figlio Paolo e da altri artisti è stato presentato oggi a Palazzo Marino. “Un modo per celebrare questo nostro grande concittadino”, ha detto il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia. Jannacci, morto otto mesi fa, aveva composto e prodotto nuovi brani che oggi vedono la luce in un album dal titolo “L’artista”.  Nella traccia “Desolato”, su musica di Paolo e testo dello stesso Enzo, gli Jannacci si misurano col mondo dell’hip hop, attraverso una collaborazione col noto repper J-AX. Il video poi è un’esplosione di nomi: da Claudio Bisio a Caparezza, da Jovanotti a Ligabue, passando per Fabri Fibra ad Ale e Franz. Ancora nessuna certezza sulla data del concerto celebrativo. “Per il momento il progetto su cui si sta lavorando è quello di raccontare Jannacci con una serie di appuntamenti nelle zone di cui il cantautore ha parlato nei suoi brani. Penso all’Ortica, penso a Rogoredo. C’è poi l’ipotesi di un grande concerto, ma sul luogo e il momento ancora dobbiamo prendere una decisione”  di Fabio Abati

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, protestano i candidati del concorsone: ‘Tutte scuse per non assumerci’

prev
Articolo Successivo

Maltempo, ciclone ‘Cleopatra’ si abbatte sulla Sardegna. Almeno 9 le vittime

next