Una volta essere partigiani era molto più facile, si prendeva un fucile, ci si nascondeva in un bosco e si gridava: “Sono io l’Italia, venite a prendermi”.

In questo presente sono giorni confusi soprattutto per chi vuole combattere contro gli abusi dei poteri in carica. Difficile in particolare capire quali siano le armi migliori da usare per incidere realmente sul presente. Quando è stata l’ultima volta che un movimento di piazza è stato in grado di modificare una legge? Non scrivo questo pensando all’Italia, ma a tutto il mondo.

Di Arthur Giovane

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Viaggi, da Tokyo a Kyoto: giapponesi non si diventa

prev
Articolo Successivo

Vaticano, lettera ai vescovi tedeschi: “No comunione ai divorziati risposati”

next